close
Fintech

Il futuro del Bitcoin: Halving 2020

Il futuro del Bitcoin: Halving 2020
Il futuro del Bitcoin: Halving 2020

L’Halving 2020 del Bitcoin è senz’altro l’evento più importante dell’anno per il settore blockchain. Ora che siamo così vicini alla data fatidica (6 maggio) è bene analizzare in maniera approfondita quello che sta per succedere.

Le aspettative per il Bitcoin Halving 2020 sono altissime, assisteremo infatti ad un nuovo taglio della ricompensa per ogni blocco “confermato” dai miners. Questo reward si dimezza ogni quattro anni circa e l’attesa è quindi per un aumento compensativo del prezzo del Bitcoin. Mentre i due precedenti halving sono stati concausa primaria dell’inizio di un importante rialzo, questo del 2020 sembra posizionarsi all’interno di un contesto molto più complesso.

Che cos’è l’halving del Bitcoin?

Il protocollo originariamente garantiva un reward per i miners di 50 nuovi Bitcoin per ogni blocco confermato. L’impostazione a inflazione controllata del protocollo basata su una pianificazione logaritmica fa sì che le ricompense vengano dimezzate ogni 210.000 blocchi, per l’appunto circa ogni quattro anni. Il prossimo halving del Bitcoin è previsto per il 6 maggio 2020.

Le previsioni di rialzo post-halving del Bitcoin

Sembrerà strano sentir parlare di un “taglio monetario” come quello dell’halving in un contesto, come quello attuale, dove la creazione di moneta è tema ricorrente per le banche centrali che provano a sostenere l’economia a suon di QE dall’ormai 2012.

Questo dimezzamento del reward quindi avvalora l’idea che il Bitcoin, nonostante sia un asset ancora estremamente volatile, possa davvero diventare, con il tempo e con la sua adoption, uno strumento di store of value. Un oro digitale che allo stesso tempo grazie alla sua liquidità e alla facilità di trasferimento potrà assolvere anche alla funzione di digital payment system.

Le aspettative quindi per un nuovo ciclo rialzista del prezzo del Bitcoin non sono infondate e guardando a ciò che è successo in passato, non possono che essere elevate. Questa grande attesa, diffusa tra i più, è di dimensioni talmente elevate che potrà per certi versi rivelarsi anche “autoavverante” data la forte pressione nella domanda di Bitcoin che pare avvicinarsi.

I due precedenti halving sono avvenuti nel 2012 e nel 2016. Il contesto che circondava l’ecosistema Bitcoin era però radicalmente diverso:

  • nel 2012 era un mercato prematuro e in pochi conoscevano l’esistenza del Bitcoin;
  • nel 2016 il settore iniziava a muovere i primi passi con l’avvento di nuove blockchain, ma era un mercato che non ancora non aveva subito la speculazione selvaggia del 2017 con le ICO e il proliferarsi di nuovi exchanges;

Bitcoin Halving: Miners e Hashrate

L’attività di mining avrà un ruolo cruciale nel determinare il valore di Bitcoin nel 2020 e oltre. L’halving causerà un dimezzamento del reward per ogni blocco confermato, l’esatta metà dei profitti. I miners estrarranno infatti solo 6,25 Bitcoin da ogni blocco confermato anziché i 12,5 attuali. Questo halving sarà un game changer, si dovrà trovare un nuovo equilibrio tra l’hashrate e il prezzo del Bitcoin per garantire l’adeguato margine a tutti gli attori coinvolti nel protocollo decentralizzato.

A questo si aggiunge una complicazione rispetto ai precedenti halving: oggi i miners, a differenza del 2012 e del 2016, hanno almeno due alternative al Bitcoin: BSV e BCH. Il primo grande hard fork della rete Bitcoin è avvenuto nel 2017, generando BTC e BCH. BCH si è nuovamente diviso nel 2018 in BCH e BSV. Nonostante gli hard fork tutte e tre le blockchain usano lo stesso algoritmo di hashing. I miners, soggetti economicamente razionali (cioè quelli motivati ​​più dal profitto che dall’ideologia) potrebbero trovarsi a saltare tra le tre blockchain alla ricerca del margine più elevato.

Previsioni sul post-halving del Bitcoin

Difficile prevedere il trend del prezzo del Bitcoin o le variazioni dell’hashrate perchè in questa situazione guardare a quanto successo nel passato può essere fuorviante visto quanto appena descritto.

Rimane fondamentale, visto il periodo a dir poco turbolento del mondo finanziario, differenziare le proprie risorse su asset class diverse. Focus assoluto sul news-flow, che appare oggi il driver primario per poter anticipare il mercato e sugli aspetti fondamentali del settore di riferimento.

Tags : analisi fondamentaleblockchainbusinessDeFiinvestimenti