La giustizia americana arresta il creatore dello scambio Bitzlato

Gen 21, 2023 | Cripto Defi | 0 commenti

Pur promettendo notizie su scala internazionale, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DoJ) ha semplicemente annunciato l’arresto del creatore dell’exchange di criptovalute Bitzlato. Tuttavia, nonostante il relativo anonimato, l’utilizzo di questa piattaforma da parte di criminali evidenzia alcuni problemi nel settore.

Spesso esagerata dagli osservatori, ma nonostante tutto molto presente nel campo delle criptovalute, l’attività di riciclaggio di denaro appare come un argomento sensato contro cui le autorità competenti stanno conducendo una lotta accanita.

Per diversi anni, la procedura KYC (Know Your Customer) è diventata un problema importante per qualsiasi scambio di criptovalute. Nonostante sussistano ancora difficoltà nella piena applicazione della normativa relativa a tale procedura, alcuni scambi, come Bitzlato, si rifiutano di applicarli.

Pertanto, l’annuncio dell’arresto del creatore di Bitzlato da parte delle autorità americane è una dimostrazione di forza per scoraggiare gli scambi senza KYC per continuare in questo modo.

Impara di più riguardo : $ 5,5 miliardi: rivelato l’elenco delle attività “liquide” detenute da FTX

Bitzlato: uno scambio russo senza KYC

Lanciato nel 2015, Bitzlato è rimasto piuttosto aneddotico per tutta la sua esistenza nell’enorme mercato degli scambi di criptovalute. Tuttavia, la completa assenza di KYC su Bitzlato ha permesso rapidamente allo scambio di diventare un covo di delinquenti cercano di riciclare il loro denaro.

A lire  Utilizzando SecretFinance e THORSwap

Secondo il comunicato stampa della giustizia americana, Bitzlato aveva in particolare nelle immediate vicinanze del sito del mercato di Hydra poiché questo mercato russo era la più grande controparte finanziaria di Bitzlato da quando gli utenti di Hydra Market hanno scambiato più di 700 milioni di dollari in criptovalute sullo scambio.

Tuttavia, Hydra Market è stato smantellato dalla polizia criminale tedesca nel 2022 a causa in particolare dei suoi comprovati legami con attività criminali e riciclaggio di denaro. Inoltre, anche Bitzlato avrebbe ricevuto sul suo scambio più di $ 15 milioni direttamente collegati al ransomware.

Infine, molti clienti di scambio si rivolgevano al servizio clienti del sito per facilitare i trasferimenti a Hydra anche se i dipendenti di Bitzlato sapevano di operare sotto false identità.

DoJ annuncia l’arresto del creatore dello scambio Bitzlato

Non a caso, l’indagine condotta dalle autorità americane ha portato alla volontà di porre fine all’attività della piattaforma. Pertanto, in stretta collaborazione con diverse altre istituzioni nazionali e internazionali, il DoJ ha proceduto a l’arresto del cittadino russo Anatoly Legkodymov, il creatore di Bitzlato.

Quest’ultimo, 40 anni, è stato arrestato a Miami, dove ha gestito l’exchange tra il 2022 e il 2023. È accusato di aver gestito una società che veniva utilizzata per trasferimenti illegali di fondi e incorre in fino a 5 anni di carcere.

Al di là delle suddette prove, Anatoly Legkodymov avrebbe confessato in una chat interna ai servizi della sua azienda “che gli utenti di Bitzlato sono notoriamente truffatori”. Peggio, l’avrebbe confermato hanno usato documenti di identità rubati per registrarsi al sito.

Questo arresto è accompagnato, grazie in particolare all’aiuto delle autorità francesi e di Europol, dalla disattivazione del sito della centrale.

A lire  Le differenze tra UST su Terra e DUSD su DeFiChain

Il vice procuratore generale del DoJ ha spiegato che “Legkodymov ha consapevolmente consentito a Bitzlato di essere percepito come un rifugio per fondi utilizzati per varie attività criminali “. Aggiunge di aver “contribuito a creare uno scambio che non è riuscito ad implementare le misure di salvaguardia antiriciclaggio e ha permesso ai criminali di trarre profitto dai loro misfatti, inclusi ransomware e traffico di droga”.

Bitzlato binario

Binance nei guai

Poche ore dopo l’annuncio di questo arresto, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti attraverso FinCEN (Financial Crimes Enforcement Network) ha pubblicato un documento relativo al caso.

Al suo interno, lo apprendiamo Binance è tra le prime tre controparti riceventi di Bitzlato sull’importo totale di BTC ricevuto tra maggio 2018 e settembre 2022 proprio accanto a Hydra e uno schema Ponzi con sede in Russia.

Consapevole che questa notizia potrebbe causargli molti danni, Binance ha voluto subito chiarire la sua posizione. “Binance è lieta di aver fornito un’assistenza sostanziale ai partner delle forze dell’ordine internazionali a sostegno di questa indagine”, ha dichiarato il portavoce della società in una nota.

Tuttavia, nonostante la successiva assistenza agli investigatori, la comparsa di Binance in questo elenco mette in dubbio la sua capacità di filtrare effettivamente l’attività criminale sulla sua piattaforma, in particolare attraverso il suo KYC.

L’articolo Bitzlato, creatore dello scambio di arresti della giustizia statunitense, è apparso per la prima volta su Coin Academy