close
FintechStartup

Opstart: le criptovalute arrivano nell’Equity Crowdfunding

Opstart: le criptovalute arrivano nell'Equity Crowdfunding
Opstart: le criptovalute arrivano nell'Equity Crowdfunding

Opstart, ora accetta anche criptovalute, in particolare Bitcoin (BTC), per finanziare le campagne di Equity Crowdfunding presenti nella propria piattaforma.

Convergenza. E’ uno dei termini più utilizzati negli articoli di DeFi Hub e non è un caso. Chi ha letto i precedenti post nei quali si è discusso di DeFi, Equity Crowdfunding, Startup e più in generale del mondo Fintech avrà notato come la traiettoria intrapresa sia ben definita.

Equity Crowdfunding e Criptovalute: nuova liquidità per le Startup

Mostrandosi come uno dei player dell’Equity Crowdfunding più all’avanguardia, Opstart offrirà una nuova modalità agli investitori per partecipare alle campagne delle Startup presenti sulla propria piattaforma. Un nuovo modello ibrido, forte dell’esperienza delle Initial Coin Offering (ICO) e del Crowdfunding tradizionale, che porterà indubbi benefici al mondo Startup, garantendo una nuova fonte di liquidità per l’intero mercato dell’innovazione.

Con una semplice procedura, gli investitori potranno associare un wallet Bitcoin (BTC) al proprio account Opstart per poi decidere nel momento della sottoscrizione di un investimento se pagare in moneta fiat (euro) o in criptovalute (Bitcoin). In aggiunta, Opstart ha lanciato un’altra importantissima novità: il Crowdlisting.

Il modello di Crowdlisting di Opstart

Il Crowdlisting è un percorso che si sviluppa in due fasi distinte, uno di raccolta di capitali e l’altro di quotazione della Startup o PMI innovativa nel mercato Euronext. Questo approccio è fondamentale per rendere liquido questo mercato e permettere agli investitori di smobilizzare facilmente il capitale impegnato quando lo riterranno opportuno. Il Crowdlisting di Opstart è uno strumento che ha lo stesso obiettivo di quello offerto da Crowdfundme.

Entrando più nel dettaglio, la prima fase del Crowdlisting è una campagna equity crowdfunding classica, nella quale come appena detto potranno essere raccolti anche capitali in Bitcoin, che è destinata a supportare lo sviluppo del business della Startup.

Una volta conclusa con successo la compagna di raccolta, si potrà procedere con il seconda step, il listing. Questa seconda fase, chiaramente soggetta alla verifica del possesso di tutti i requisiti di adeguatezza alle norme e ai regolamenti del mercato, sarà gestita da un listing sponsor già accreditato sull’Euronext.

Riassumendo, ecco il modello che attualmente descrive cosa sta succedendo in Italia e in Europa:

  1. Startup   Campagna di raccolta capitali su piattaforma di Crowdfunding quotazione su AIM Italia o Euronext

La convergenza nel mondo Fintech

Initial Coin Offering (ICO), Security Token Offering (STO), Exchange Offerings (IEO) ed Equity Crowdfunding per la raccolta di capitale, ingresso su un Exchange Crypto attraverso la creazione di un token o quotazione in borsa su diversi segmenti (AIM o Euronext) per la negoziazione dell’asset e per offrire la possibilità di trading agli investitori.

Possiamo sintetizzarli in fase di raccolta e fase di listing che porta alla negoziazione. Oggi ci sono vari modelli e sembra ancora essere marcata la suddivisione tra mercato criptovalute, mercato startup e mondo finanziario tradizionale, ma il percorso è chiaro ed è evidente anche quale sarà il punto di arrivo che sarà supportato dallo sviluppo della DeFi, la finanza Decentralizzata. Questo è oggi il Fintech.

Tags : blockchainDeFiinnovazioneinvestimenti